design – sedie d’autore

Un mese fa vi abbiamo parlato della chaise longue, un oggetto d’arredo con cui molti tra i più grandi designer si sono cimentati, tra cui Le Corbusier con la sua famosa LC4 che tanto amiamo.

Oggi vedremo la “sorella” minore della chaise longue, più utilizzata e indispensabile, la sedia, nelle sue più svariate declinazioni, ideate sia da noti design che da talenti emergenti.

1

1. Tonietta (1985) Enzo Mari per Zanotta.

Questa sedia in lega di alluminio con sedile e schienale in polipropilene ricoperto in cuoio, ha anche vinto dei premi ed è esposta in vari musei.

2. Milano (1987) Aldo Rossi, per Molteni & C.

Come diceva lo stesso Aldo Rossi “È una sedia che ricorda quello che la gente ha in mente per sedia.

3. Mezzadro (1957) Achille & Pier Giacomo Castiglioni, per Zanotta.

Sgabello con gambo in acciaio cromato, sedile verniciato e base in faggio. Anch’esso è esposto in numerosi musei.

4. 699 “Superleggera” (1957) Gio Ponti, per Cassina.

Sedia in frassino dalle sottili linee moderne.

 

2

5. Lazy’05 (2005) Patricia Urquiola, per B&B Italia.

All’insegna del relax è questa sedia in acciaio cromato con rivestimento in tessuto o pelle sfoderabile.

6. Ant Chair (1952) Arne Jacobsen, per Fritz Hansen.

Della famosa collezione fa parte questa sedia dalla forma minimal e snella, ma comunque confortevole.

7. Tulip Armless Chair (1956) Eero Saarinen, per Knoll.

Un classico dell’industrial design, dalle linee moderne, semplici e morbide.

8. Standard (1934) Jean Prouvé, per Vitra.

Le forme di questo famoso oggetto di design sono frutto di uno studio sulla distribuzione del peso sulle parti che compongono la sedia.

3

9. Pipo Chair – Alejandro Estrada, per Piegatto.

Sedia leggera e sinuosa formata da un’affusolata superficie di legno curvata.

10. Mobius Chair – Adam Raphael Markowitz.

Semplice e sinuosa è anche questa sedia in puro stile scandinavo.

11. Cycle Chair – Saran Youkongdee.

Qui la forma della sedia viene rivisitata, e il cerchio la fa da padrone con un risultato sorprendente.

12. Cresta (2013) Jörg Boner, per Dadadum.

Ispirata da un’antica sedia tipica della Svizzera, questa rivisitazione sembra moderna e allo stesso tempo senza tempo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...